SA RAMADURA, mostra personale dell’artista Antonello Pilittu

Opera in pietra di Antonello Pilittu - Foto di Gianfranco Ghironi

Opera in pietra di Antonello Pilittu – Foto di Gianfranco Ghironi

Mostra personale dell’artista Antonello Pilittu e collettiva pittorica a Pula (CA).
Dal 30/07 al 30/09, nello spazio espositivo di via Nora 121 dalle h. 8.00 alle 24.00 l’infaticabile artista Antonello Pilittu, allestisce una nuova mostra personale, delle sue opere scultoree e pittoriche, intitolata “Sa Ramadura”, nel proprio spazio espositivo di Pula, sito nella via Nora al 121.
Come già si intuisce dalla denominazione stessa dell’evento, la sala espositiva sarà letteralmente “pavimentata” con petali di fiori e, soprattutto, con rametti e foglie delle piante ed essenze tipiche della macchia mediterranea che, nel profumo e nelle colorazioni, richiameranno immediatamente all’olfatto e alla mente del visitatore, l’antica terra isolana di Sardegna dalla quale provengono.
Per l’occasione, sarà presente anche una rassegna di quadri, dipinti con varie tecniche e stili, appartenenti ad artisti di tendenze pittoriche differenti, tra i quali Sisinnio Deidda, Valeria Balestrazzi, Zia Veronica e altri, a sorpresa.
Ospite speciale dell’esposizione sarà Manu Invisibile, artista ben noto e non solo nell’isola, che proviene dal mondo dei “Graffiti” e si è dedicato, successivamente, alla “Street art”, al Muralismo, alla Decorazione e alla Pittura in formato “small”, con risultati più che lusinghieri.
L’inaugurazione, aperta al pubblico, è stabilita per il giorno di sabato 30 luglio 2016, alle ore 19.30.
La rassegna artistica, potrà essere liberamente visitata tutti i giorni, anche festivi, dalle ore 8.00 alle 24.00, a partire dal 31 luglio, fino a tutto il mese di settembre del corrente anno.

Commenti

Articoli recenti
Altre notizie
STORIARTE - Mostra di Artigianato, Hobbistica, Agroalimentare
Scuola Civica di Musica Concerti Finali anno accademico 2015/2016
BLOCKHAUS – mostra personale di Gildo Atzori
Per Sant'Efisio Capoterra ritorna "in tracca". Rinasce quest'anno un'antica tradizione da tempo trascurata